Cesare Pietroiusti

vive e lavora a Roma. Nella sua pratica artistica utilizza situazioni paradossali o apparentemente irragionevoli come motivo di analisi o di rappresentazione. La sua ricerca si muove, con estrema originalità e indipendenza, sulla linea delle ricerche avanguardistiche e concettuali americane degli anni sessanta/settanta.